IMPORTANTE: Gli ordini ricevuti dal 7 agosto in poi saranno spediti dopo il 17 o 23 agosto

Arancini alla trapanese

RSS
Arancini alla trapanese

Introduzione alla ricetta

Pur naturalmente con una forte connotazione siciliana, la cucina trapanese si differenzia abbastanza da quella del resto dell’isola. È infatti fortemente “contaminata” da altre cucine mediterranee e risente particolarmente dell’influenza araba, con una predominanza del pesce rispetto alla carne. Molto usati sono l’aragosta e gli splendidi gamberi rossi di Mazara, dove ha sede la più importante flotta peschereccia del Mediterraneo. La peculiarità dei gamberi rossi è il loro inconfondibile sapore, che racchiude in sé la sapidità delle acque in cui è pescato. Gli arancini alla trapanese sono conditi con un ricco ripieno di pesto trapanese e gamberi rossi e il riso viene cotto nel fumetto dei gamberi: perfetti per palati raffinati.

Siciliana

Media

160 grammi

Pesce

Ingredienti per circa 12 arancini di 160 grammi

Per il riso:

  • 500 gr di riso (possibilmente metà Originario e metà Roma, oppure Riso Scotti per Arancini)
  • 1,1 litro di fumetto di gamberi
  • 2 bustine di zafferano
  • 10 gr di sale
  • 60 gr di burro

Per la finitura:

  • 180 ml di acqua
  • 100 gr di farina
  • 1 uovo (facoltativo)
  • 150 gr di pangrattato

Per il condimento:

  • 250 gr di gamberi rossi di Mazara
  • 1 spicchio d'aglio
  • mezza cipolla
  • 2 cucchiai di concentrato di pomodoro
  • 250 ml di acqua
  • 80 gr di mandorle tostate
  • mezzo bicchiere  di vino bianco
  • olio extravergine di oliva
  • 1 ciuffo di basilico
  • peperoncino, sale

Preparazione di riso e condimento

Come preparare il riso

Preparazione dei gamberi

  • Pulire i gamberi rossi eliminando testa, coda e carapace
  • Porre tutti gli scarti dei gamberi in una pentola con una carota e mezza cipolla, riempire d’acqua a filo e cuocere per 30 minuti
  • Filtrare il brodo così ottenuto e utilizzarlo per la cottura del riso
Come preparare il riso

Il riso

Preparare il riso:

  • In una pentola, mettere il brodo, il burro, lo zafferano e il sale
  • Quando il brodo è in ebollizione, aggiungere il riso e mischiare bene
  • Coprire e lasciar cuocere a fiamma bassa finché il riso non assorbe tutto il brodo e risulta cotto ma al dente
  • a cottura ultimata, mantecare con del formaggio (facoltativo), versare il riso su un piano freddo e stendere in maniera uniforme per permettere un rapido raffreddamento
  • Quando il riso si è intiepidito, è pronto per poter preparare gli arancini

Per un approfondimento sul riso Clicca Qui

Come preparare il condimento

Il condimento

  • Tritare finemente la cipolla
  • In una padella con un filo d’olio, far rosolare la cipolla
  • Sciogliere il concentrato di pomodoro nell’acqua e aggiungere al soffritto, poi lasciare cuocere a fiamma bassa
  • In un mixer, tritare il basilico con le mandorle e l’aglio privato dell’anima, che è poco digeribile, aggiungendo olio a filo fino ad ottenere una consistenza abbastanza uniforme
  • Unire il pesto alla salsa in cottura e far cuocere per qualche minuto
  • Tritare i gamberi al coltello e unire al sugo
  • Sfumare con il vino bianco e continuare la cottura a fiamma bassa finché il sugo si addensa
  • Spegnere il fuoco, regolare di sale, aggiungere un pizzico di peperoncino e lasciare intiepidire

Frittura

Panatura dell'arancino

La finitura

Passare gli arancini nella pastella e nel pangrattato come riportato in seguito:

  • In una ciotola, porre la farina
  • Aggiungere l’uovo e l’acqua e sbattere bene con delle fruste
  • Quando la pastella risulta liscia e densa, passarvici gli arancini
  • Subito dopo, passare gli arancini nel pangrattato
Frittura dell'arancino

La frittura

Friggere in abbondante olio fino a doratura, per un’ottima frittura usare uno tra questi oli: olio di semi, olio di arachidi, olio di oliva, olio di palma.

  • Far raggiungere ai suddetti oli la temperatura ideale di 190°, sia in pentola che impostandola manualmente sulla vostra friggitrice.
  • Accettarsi del raggiungimento della temperatura immergendo una mollica di pane, la quale se sfrigola, indica che l’olio è pronto.
  • Immergere quindi delicatamente gli arancini, possibilmente pochi per volta per non abbassare troppo la temperatura dell’olio.
  • Porre infine su carta assorbente e servire.

Per un approfondimento su finitura e frittura Clicca Qui

Buon appetito!

Variante

Per una versione “impreziosita” di questi arancini, è possibile sostituire i gamberi rossi di Mazara con delle aragostelle del Mediterraneo.

L'idea in più

Se si vuole dare maggior carattere al ripieno, dopo la cottura si può aggiungere una manciata di mandorle tritate grossolanamente, che arricchiranno gli arancini con una golosa nota croccante.

Cosa ne pensi della ricetta? Inviaci le foto!

Post Precedente

  • Arancinotto Staff